“Ultime notizie dalla terra. La Terra dei fuochi: questioni per il paese intero”, il 29 novembre a Roma la presentazione del libro

Venerdì 29 novembre 2019, alle ore 20:00, il Seminterrato di Via Siena ospiterà la presentazione del libro “Ultime notizie dalla terra. La Terra dei fuochi: questioni per il paese intero”, di Antonio di Gennaro.
Insieme all’autore interverranno Francesco Erbani, giornalista, e Peter Hoogstaden, ingegnere del paesaggio.

Dopo le inchieste che hanno fatto conoscere all’intero paese la realtà della Terra dei fuochi, Antonio di Gennaro, agronomo impegnato da anni nel compito di far capire l’importanza del suolo per il presente e, soprattutto, per il futuro di una società, si è messo al lavoro con un centinaio di esperti di diverse discipline per capire quale fosse lo stato di salute di una regione, la Campania, da sempre considerata la terra felix dell’agricoltura italiana.

Scrive l’autore: “All’improvviso, proprio quei suoli e quelle terre s’erano trasformati, nel dibattito pubblico, in centri di rischio, portatori di una minaccia subdola, odiosa. Gli strumenti del mestiere sono serviti a ragionare. […]
Ho collaborato al rapporto governativo sugli effetti sociali ed economici che la crisi ha avuto sul sistema delle aziende agricole. Alla fine, lo schema ferreo raccontato dai media non ha retto: disponiamo ora di una base di migliaia di dati analitici, come non esiste in nessun’altra area agricola d’Europa e l’agricoltura della grande pianura vulcanica è stata scagionata, ma le ferite rimangono. Sarebbe sbagliato pensare che la bufera sia passata. I problemi, le paure che la Terra dei fuochi ha scatenato si riproporranno prima o poi in altre parti d’Italia e d’Europa. Al di là degli aspetti specifici, c’è un luogo comune che si è consolidato e, sullo sfondo, un rapporto di fiducia tra l’opinione pubblica e le attività di produzione agricola che sembra essersi profondamente logorato.”

Nel suo viaggio, di Gennaro racconta una regione fatta di paesaggi che sono “palinsesti di bellezza e biodiversità”. Dentro a questi paesaggi ci sono le persone, i coltivatori dei grani antichi dell’Alta Irpinia, i coltivatori del San Marzano, del pomodorino del piennolo, gli allevatori di Marchigiana e quelli delle bufale del Sele e del Volturno, gli olivicoltori del Cilento e della penisola sorrentina, i viticoltori del Sannio.
Si tratta, dunque di un territorio di straordinaria ricchezza culturale e sociale, che si è ritrovato vittima di un sistema di paure e diffidenze.

Antonio di Gennaro, agronomo, lavora a Napoli dove si occupa di pianificazione del territorio e del paesaggio rurale.
Francesco Erbani è un giornalista italiano, ha lavorato per l’Espresso e al quotidiano La Repubblica per venticinque anni. I suoi ultimi libri sono Non è triste Venezia (Manni, 2018)e L’Italia che non ci sta (Einaudi, 2019).
Peter Hoogstaden è ingegnere civile e cofondatore della Studio Genius Loci, specializzata in pianificazione del paesaggio e turismo sostenibile.

L’incontro è organizzato da IfoRD, Libreria L’Altracittà, Associazione Laura Lombardo Radice.

L’Italia e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, presentato il Rapporto ASviS 2019

Il 4 ottobre a Roma è stato presentato il Rapporto ASviS 2019. Il Rapporto dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, giunto alla quarta edizione, analizza l’avanzamento del nostro Paese verso il raggiungimento dei 17 Obiettivi dell’Agenda 2030 dell’ONU e identifica gli ambiti in cui bisogna intervenire per assicurare la sostenibilità economica, sociale e ambientale del modello di sviluppo.

A soli 11 anni dalla scadenza fissata dal piano d’azione delle Nazioni Unite, firmato da 193 Paesi, Italia compresa, il Rapporto evidenzia che è necessario modificare significativamente le politiche pubbliche, le strategie aziendali e i comportamenti individuali. L’urgenza è anche dettata dal fatto che 21 dei 169 Target in cui si articolano gli Obiettivi di sviluppo sostenibile prevedono obblighi riferiti al 2020 e che su buona parte di essi l’Italia è in grave ritardo.

Il Rapporto 2019 fornisce un quadro delle iniziative messe in campo nel mondo, in Europa e in Italia a favore dello sviluppo sostenibile, valuta le politiche realizzate negli ultimi 12 mesi e avanza proposte per accelerare il percorso del nostro Paese verso l’attuazione dell’Agenda 2030.

Il rapporto completo e documenti di sintesi sono disponibili a questo link.

Sono aperte le iscrizioni alla quinta edizione del Master in Agricoltura Sociale!

Fino al 23 gennaio 2020 è possibile inviare la domanda di ammissione per il Master universitario di I livello in Agricoltura Sociale della Scuola IaD – Università di Roma Tor Vergata, in collaborazione con OASI e la Rete Fattorie Sociali.

Il corso post laurea in e-learning è dedicato alla progettazione sociale, agli strumenti per realizzare imprese sociali, alla progettazione e gestione di aziende agricole multifunzionali e alla costruzione di reti territoriali.

Informazioni più dettagliate sul master e sulle modalità per l’iscrizione sono disponibili sul sito internet dell’associazione Oasi.

Incrementare le esportazioni del settore ortofrutticolo, incontro di informazione a Fondi (Latina) mercoledì 2 ottobre

Nell’ambito delle attività per l’attuazione del Progetto di Filiera “Dall’orto alla tavola. Diversificare per migliorare”, mercoledì 2 ottobre 2019, alle ore 16:00, presso la sala conferenze della OP La Flacca, a Fondi in via Provinciale Fondi-Sperlonga Km 8+800, si terrà un incontro di informazione/formazione sul tema: “Incrementare le esportazioni del settore ortofrutticolo, opportunità di mercato e finanziamenti regionali”.

Dopo il saluto di Rocco Faiola, presidente dell’O.P. La Flacca, Lorenzo Fanoli, consulente per il marketing del Progetto di Filiera, illustrerà le dinamiche dell’export dei prodotti ortofrutticoli italiani sui principali mercati di sbocco.

Concluderà l’incontro Francesco Laganà, responsabile dei Temporary export manager di Co.Mark S.p.A., con una relazione sulle opportunità di mercato in Europa per i prodotti ortofrutticoli e sui finanziamenti per l’internazionalizzazione, in riferimento al bando della Regione Lazio che concede incentivi all’acquisto di servizi di supporto all’internazionalizzazione in favore delle PMI, con una prima finestra aperta fino al 31 ottobre 2019.

Per informazioni: dallortoallatavola@yahoo.com – tel. 0771555170.

Adottate le Linee Guida per la redazione del bilancio sociale per Enti del Terzo Settore

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 186 del 9 agosto 2019, il Decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali del 4 luglio 2019, recante le indicazioni per l’adozione delle Linee Guida per la redazione del bilancio sociale degli enti del Terzo Settore.

I soggetti tenuti alla redazione del bilancio sociale sono:

– gli enti di Terzo Settore diversi dalle imprese sociali, qualora abbiano ricavi o entrate superiori a un milione di euro annuo;
– tutte le imprese sociali, ivi comprese le cooperative sociali e i loro consorzi, indipendentemente dalla dimensione economica (i gruppi di imprese sociali sono tenuti a redigere il bilancio sociale in forma consolidata, cioè evidenziando gli esiti sociali di ciascun singolo ente, nonché del gruppo nel suo complesso);
– i Centri di Servizio per il Volontariato, indipendentemente dalla loro dimensione economica.

Le disposizioni di cui al Decreto del 4 luglio 2019 si applicano a partire dalla redazione del bilancio sociale relativo al primo esercizio successivo a quello in corso alla data di pubblicazione.

Il bilancio sociale deve contenere anche informazioni di tipo ambientale, se rilevanti con riferimento alle attività dell’ente: tipologie di impatto ambientale connesse alle attività svolte; politiche e modalità di gestione di tali impatti; indicatori di impatto ambientale (consumi di energia e materie prime, produzione di rifiuti, ecc.) e variazione dei valori assunti dagli stessi.

Nel caso delle imprese sociali che operano in settori come quello sanitario o agricolo, secondo le linee guida, in considerazione del maggior livello di rischi ambientali connessi, potrebbe essere opportuno enucleare un punto specifico («Informazioni ambientali») prima delle «altre informazioni», per trattare l’argomento con un maggior livello di approfondimento.

Q&A s.r.l. società tra professionisti è a disposizione delle organizzazioni del Terzo Settore interessate ad approfondimenti sul bilancio sociale e in particolare sulla rendicontazione degli aspetti ambientali.